Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Quando il tumore non è l’unico problema di salute

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 09 December 2019
Un paziente anziano con tumore e altri problemi di salute
»

Circa il 64% dei nuovi casi di tumore che ogni anno vengono diagnosticati riguarda pazienti al di sopra dei 65 anni. Secondo i dati dell’AIRC, inoltre, superati i 65 anni il rischio di sviluppare un tumore è ancora più alto. Questo vuol dire che molto spesso il tumore si presenta in un organismo di suo già fragile e già colpito da altre patologie, a cui va a sommarsi.

 

Secondo i dati del Mac Millan Cancer Support relativi al Regno Unito, le persone con un tumore hanno una probabilità più alta del 31% rispetto alle altre di convivere con almeno un’altra patologia cronica. Inoltre, le persone con alcune patologie, come l’ipertensione, hanno un rischio associato di sviluppare un tumore più alto rispetto alla media. Secondo alcuni, questo potrebbe essere spiegato anche con fattori legati allo stile di vita che favoriscono entrambe le condizioni. Inoltre, le persone con un tumore avrebbero anche una maggiore probabilità di dover affrontare problemi ai reni (16% contro 6% della popolazione generale), e la probabilità di sviluppare patologie croniche crescerebbe all’aumentare dell’età.

 

Spesso queste condizioni vengono messe in secondo piano una volta ricevuta una diagnosi di tumore. Tuttavia, poiché il successo dei trattamenti oncologici dipende molto dalle condizioni generali di salute del paziente, è fondamentale che esse non siano trascurate. Inoltre alcune patologie possono condizionare i trattamenti a cui ci si può o si deve sottoporre e possono rallentare il recupero del paziente.

 

La presenza di altre malattie va sempre comunicata al proprio ematologo: potrebbe essere necessario interrompere momentaneamente alcuni trattamenti mentre ci si occupa del proprio tumore e questo comporta, quindi, la necessità di monitorare attentamente i sintomi legati alle altre condizioni croniche.

 

Tra le patologie di cui diversi pazienti oncologici anziani soffrono più frequentemente, come sottolinea anche Cancer Net, sito di informazione approvato e supervisionato dall’American Society of Clinical Oncology, ci sono:

 

  • Ipertensione e problemi cardiaci: è vero sono più frequenti negli anziani, ma anche i giovani possono soffrirne
  • Patologie polmonari, tra le quali anche asma, enfisema e broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • Diabete: chi soffre di questa patologia deve monitorare con attenzione i livelli di glucosio del sangue, che possono essere influenzati da diversi fattori, come scarsa attività fisica, stress, nausea, vomito, mancanza di appetito o cambiamenti nella dieta
  • Patologie a carico dei reni: con l’avanzare dell’età la funzionalità renale potrebbe diminuire; l’efficienza dei reni è un fattore che viene preso in considerazione quando si valuta il tipo e l’intensità del trattamento oncologico
  • Artrite: questa condizione può provocare spesso dolore e difficoltà di movimento, che influenzano la capacità di spostarsi, di portare a termine le attività quotidiane, di essere indipendenti e possono anche aumentare il rischio di effetti collaterali delle terapie
  • Problemi di salute mentale, per esempio depressione e ansia
  • Perdita di memoria e confusione mentale: questi problemi possono influenzare l’aderenza alla terapie e l’autonomia del paziente.

 

La compresenza di mali diversi è un fattore che può influenzare molto la salute, la qualità della vita del paziente e persino il trattamento del tumore stesso. Sono necessarie ricerche che prendano in considerazione queste multi-morbilità e servirebbe un approccio personalizzato e multidisciplinare nel trattamento, specialmente dei pazienti over 65. Un approccio in cui, oltre all’ematologo o all’oncologo, siano coinvolti anche specialisti delle patologie compresenti, tra cui nutrizionisti, fisioterapisti e altre figure professionali.

Fonti e Bibliografia:

Cancer.Net. When Cancer is Not Your Only Health Concern (Ultimo accesso 02 Agosto 2019).

MacMillan Cancer Support. The burden of cancer and other long-term health conditions, Aprile 2015.

Guide ESMO per il Paziente. Sopravvivenza, 2017

AIRC. Anziani e tumori (Ultimo accesso 22 Novembre 2019).