Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Obesità e sovrappeso responsabili del 3,9% dei tumori

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 02 Aprile 2019
»

Un recente rapporto realizzato dai ricercatori dell’American Cancer Society, dell’Imperial College di Londra e della Harvard T.H. Chan School of Public Health e pubblicato su CA: A Cancer Journal for Clinicians, mostra che la prevalenza di un eccessivo peso corporeo è in aumento.

In particolare, nel 2016, circa il 40% degli adulti e il 18% dei bambini (di età compresa tra 5 e 19 anni) presentavano un peso corporeo in eccesso. Questo dato si traduce in circa 2 miliardi di adulti e 340 milioni di bambini in tutto il mondo. Inoltre, ben quattro milioni di morti nel 2015 sarebbero attribuibili al peso corporeo in eccesso, mentre l’impatto economico mondiale delle malattie legate a questo problema è stimato intorno ai due trilioni di dollari.

 

In Italia, stando ai numeri del rapporto Osservasalute 2016, che prende in esame i risultati dell’Indagine Multiscopo dell’Istat “Aspetti della vita quotidiana”, nel 2015 più di un terzo della popolazione adulta (il 35,3%) era in sovrappeso, mentre una persona su dieci era obesa (9,8%). In particolare, nel nostro Paese, era in sovrappeso il 14 per cento delle persone tra i 18 e 24 anni e obeso il 2,3 %. Queste percentuali aumentano progressivamente nelle diverse fasce d’età, fino ad arrivare rispettivamente al 46% e al 15,3% in quella tra i 65-74 anni.

 

Secondo la revisione pubblicata nel 2018, l’eccesso di peso corporeo è stato responsabile di circa 544.330 tumori, pari al 3,9 per cento del totale mondiale. Infatti, obesità e sovrappeso sono legate a un aumento del rischio di sviluppare 13 diversi tipi di tumori: al meningioma, al mieloma multiplo, al tumore della mammella, del colon-retto, dell’utero, dell’esofago (adenocarcinoma), della cistifellea, del rene, del fegato, delle ovaie, del pancreas, dello stomaco e della tiroide. Inoltre, più recentemente, il sovrappeso è stato indicato anche come una probabile causa di carcinoma della prostata in stadio avanzato e dei tumori della bocca, della faringe e della laringe.

 

Secondo il rapporto, uno dei fattori legati all’aumento di peso è il reddito. A ogni aumento di 10.000 dollari del reddito medio nazionale è infatti associato uno di 0,4 punti nell'indice di massa corporea tra gli adulti. Questi numeri spiegano il legame con uno stile di vita occidentale e l’alta variabilità della percentuale di tumori legate all’eccesso di peso corporeo, che scende all’1 per cento nei paesi a basso reddito e arriva al 7-8 per cento in nei paesi occidentali ad alto reddito, in Medio Oriente e nei paesi del Nord Africa.

Tuttavia, la prosperità non è sempre correlata con il peso corporeo in eccesso. La prevalenza dell'obesità, infatti, è piuttosto bassa nei paesi asiatici del Pacifico ad alto reddito. Questo probabilmente grazie al rispetto di queste popolazioni delle loro abitudini alimentari tradizionali, che prevedono un basso consumo calorico, e al fatto che in queste nazioni spesso si cammini per spostarsi da un luogo ad un altro.

 

Tra le strategie indicate dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) per contrastare la cosiddetta epidemia di obesità, che dovrebbero essere adottate dai governi, dalle industrie e dalle società civili ci sono anche interventi per diminuire la produzione, la distribuzione e commercializzazione di cibi malsani, come leggi che vietino l’uso nella catena alimentare dei grassi trans, la tassazione delle bevande zuccherate, la riduzione delle dimensioni dei pasti preconfezionati. L’OMS suggerisce anche cambiamenti all'ambiente urbano che promuovano adeguati livelli di attività fisica: dai marciapiedi a un migliore accesso e funzionamento del trasporto pubblico, fino a un aumento degli spazi pubblici aperti e di infrastrutture adeguate muoversi a piedi o in bicicletta.

Fonti e Bibliografia:

Sung H, Siegel R, Torre LA, et al. Global Patterns in Excess Body Weight and the Associated Cancer Burden.  CA Cancer J Clin 2018; 0: 1–25. doi: 10.3322/caac.21499

Sampson D, Excess body weight responsible for nearly 4 percent of cancers worldwide, American Cancer Society, comunicato stampa del 12 Dicembre 2018.

Obesità: Dati Epidemiologici, Epicentro (Ultimo accesso 14 Gennaio 2019).