Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Nuove possibilità diagnostiche e terapeutiche per la CLL

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 17 February 2017
Analisi di laboratorio di campioni ematici
»

La Leucemia Linfatica Cronica (CLL) è il tumore del sangue più frequente nei Paesi occidentali e rappresenta circa un terzo di tutte le leucemie.

Una ricerca condotta dal Laboratorio per le Scienze Ematologiche dell’Università di Bari Aldo Moro restituisce nuove speranze per i pazienti affetti da questa malattia.

L’intuizione dei ricercatori è stata quella di analizzare la mutazione di un gene in particolare, noto come NOTCH1, abbastanza frequente nella Leucemia Linfatica Cronica.

Il monitoraggio molecolare di questa mutazione è stato effettuato con un approccio tecnologico innovativo, la droplet digital PCR, una sorta di sensore in grado di segnalare la presenza della malattia e di anticiparne la progressione clinica e l’eventuale risposta al trattamento terapeutico.

Questa nuova modalità di diagnosi permetterebbe, quindi, di sorvegliare il tumore e di personalizzare il percorso terapeutico, in base alle specificità della malattia.

Il valore di questo studio è stato riconosciuto a livello internazionale, assicurandone la pubblicazione sulla rivista Oncotarget.

«Il carattere innovativo della nostra ricerca sta nell’aver dato ai medici la possibilità di prevedere il decorso della malattia e intervenire sin da quando suonano i primi campanelli d’allarme. Non tutti conoscono questa tecnologia da noi adottata perché è in circolo da due anni e siamo i primi ad averla applicata», ha spiegato il uno dei ricercatori, il Dott. Ezio Minervini.

Fonti e Bibliografia:

Minervini A, Minervini CF, Anelli L, Zagaria A, Casieri P, Coccaro N, Cumbo C, Tota G, Impera L, Orsini P, Brunetti C, Giordano A, Specchia G, Albano F, Droplet digital PCR analysis of NOTCH1 gene mutations in chronic lymphocytic leukemia, Oncotarget, Novembre 2016. doi: 10.18632/oncotarget.13246.

Bisceglie V, Albamonte I, Nuove terapie per la cura della leucemia scoperta dai ricercatori dell’Università di Bari, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, comunicato stampa del 21 Dicembre 2016.

Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC). Leucemia linfatica cronica (Ultimo accesso 02 Febbraio 2019).