Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

Mieloma multiplo: aumenta il rischio se si ha già avuto un tumore del sangue

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 04 June 2021
Mieloma multiplo: aumenta il rischio se si ha già avuto un tumore del sangue
»
La buona notizia è che negli ultimi 20-30 anni la sopravvivenza relativa dei pazienti con mieloma multiplo (MM) è migliorata, cioè i pazienti convivono più a lungo con la malattia. Questo allungamento dell’aspettativa di vita ha determinato anche una migliore conoscenza delle conseguenze di questa patologia sull’organismo dei pazienti.

Per esempio, si è potuto studiare se il mieloma possa aumentare la probabilità di neoplasie primarie o secondarie, ovvero se sia possibile la comparsa di tumori successivi al mieloma: oggi c’è un consenso scientifico sul fatto che aver avuto un mieloma in passato comporti un lieve aumento del rischio di sviluppare leucemia mieloide acuta (AML) e sindrome mielodisplastica (MDS).

Tuttavia, fino a questo momento, si è dedicata meno attenzione a studiare la situazione inversa, ovvero se il mieloma può essere a sua volta una neoplasia secondaria, che si sviluppa in pazienti con una precedente storia di tumore. Ci ha pensato uno studio condotto dalla Norwegian University of Science and Technology di Trondheim, pubblicato sulla rivista European Journal of Hematology. I ricercatori hanno mostrato che il rischio di mieloma sarebbe più elevato in pazienti cui sono già state diagnosticate alcune forme di tumore del sangue.

Per questo studio sono stati presi in esame i dati nazionali raccolti nel Cancer Registry of Norway: da qui si è proceduto al confronto tra i dati relativi a 9.574 pazienti con mieloma multiplo e quelli di altri 37.810 individui non colpiti da questa neoplasia.

Il confronto ha mostrato che precedenti diagnosi di linfoma di Hodgkin e di neoplasia mieloproliferativa, in particolare di mielofibrosi primaria, erano associate a conseguenti diagnosi di mieloma, mentre non lo era una diagnosi di linfoma non-Hodgkin.

È bene ricordare, tuttavia, come sottolineano gli stessi ricercatori nel paper, che più spesso accade il contrario, ovvero che una storia precedente di tumore solido sia associata al mieloma multiplo, in particolare nel caso del tumore alla prostata, al seno e ad alcuni tumori del tratto gastrointestinale.

 

Fonti e Bibliografia:

Langseth ØO, Myklebust TÅ, Johannesen TB, Hjertner Ø, Waage A. Patterns of previous and secondary malignancies in patients with multiple myeloma. Eur J Hematolol. 2021; 106: 529-536. doi: 10.1111/ejh.13581.