Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

Carne rossa e rischio di tumore: trovato un legame molecolare diretto

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 25 March 2021
carne rossa e tumore
»

Che seguire un’alimentazione equilibrata sia uno strumento fondamentale di prevenzione primaria, imprescindibile per prenderci cura della nostra salute, è un concetto ormai sempre più diffuso nella nostra società. E sono sempre più numerosi gli studi clinici che confermano con evidenze scientifiche questa consapevolezza, come per esempio quello appena pubblicato su BMC Medicine, nel quale un team internazionale di ricercatori ha messo in evidenza l’esistenza di un legame molecolare tra alimentazione e rischio di tumore.

 

Nello studio gli scienziati, guidati da Vered Padler-Karavani della Shmunis School of Biomedicine and Cancer Research presso l’Università diTel Aviv, hanno individuato un legame molecolare diretto in particolare: quello tra il consumo di carne rossa e latticini e lo sviluppo di un tipo di anticorpi nel sangue sospettati di aumentare il rischio di tumore. Secondo i ricercatori, questo legame sarebbe alla base dell’elevata incidenza di tumori riscontrata in chi consuma grandi qualità di questi alimenti.

 

In particolare tutto dipenderebbe da una molecola di zuccheri chiamata Neu5Gc o acido N-glicolilneuraminico che si trova nei tessuti dei mammiferi, ma non nel pollame o nei pesci. Gli esseri umani sviluppano anticorpi per questa molecola durante l’infanzia, quando sono per la prima volta a contatto con carne di manzo e latticini. Come spiegano nello studio, sia questi anticorpi (soprattutto in modelli di studio animali) sia un consumo elevato di carne rossa e latticini sono stati indicati comefattori di rischio per il cancro, ma ancora non era stato studiato un legame diretto tra alimentazione umana e produzione di questi anticorpi.

 

Per studiare le relazioni tra nutrizione e salute, i ricercatori hanno esaminato i dati raccolti nell’ambito del NutriNet-Santé, uno studio prospettico di coorte condotto in Francia e in Belgio a partire dal 2009 su un’ampia porzione di popolazione, che ha previsto un follow-up di dieci anni.

 

Hanno quindi misurato la quantità di zucchero Neu5Gc presente in diversi alimenti a base di carne e latticini consumati frequentemente in Francia e, su questa base, hanno calcolato il consumo quotidiano di questo zucchero in 19.621 persone al di sopra dei 18 anni sulla base di un diario alimentare che i partecipanti avevano compilato durante lo studio. Inoltre i ricercatori hanno sottoposto un campione rappresentativo di 120 persone ad un esame del sangue per misurare gli effettivi livelli di anticorpi per Neu5Gc nel loro circolo sanguigno.

 

Grazie a questi dati, i ricercatori sono riusciti a dimostrare, come spiegano anche nello studio, che la quantità di Neu5Gc assunto con la dieta influisce sui livelli e sulla diversità degli anticorpi anti-Neu5Gc presenti nel circolo sanguigno sia negli uomini sia nelle donne, ma senza differenze in base alla fonte di questo zucchero. Dunque è possibile predire che chi consuma molta carne rossa e/o formaggio avrà livelli più elevati di anticorpi per Neu5Gc, e che, quindi, potrebbe essere a maggior rischio di sviluppare un tumore, in particolare un tumore del colon-retto ma anche altri tipi di tumori e altre patologie.

 

«Abbiamo trovato una correlazione significativa tra l'elevato consumo di Neu5Gc da carne rossa e formaggi e un maggiore sviluppo di anticorpi che aumentano il rischio di cancro», conclude la coordinatrice dello studio, Vered Padler-Karavani. «Per la prima la prima volta, siamo stati in grado di trovare un legame molecolare grazie all'accuratezza dei metodi utilizzati per misurare gli anticorpi nel sangue e dati molto dettagliati presenti nei questionari alimentari francesi».

 

Gli studiosi, inoltre, hanno creato un indice, chiamato Gcemic che classifica gli alimenti il cui consumo può portare a un livello eccessivo di anticorpi Neu5Gc e spera che diventi uno strumento utile per migliorare le raccomandazioni alimentari al fine di ridurre il rischio di tumore.

Fonti e Bibliografia:

Bashir S, Fezeu LK, Ben-Arye SL, et al. Association between Neu5Gc carbohydrate and serum antibodies against it provides the molecular link to cancer: French NutriNet-Santé study. BMC Medicine, 2020; 18: 262. doi: 10.1186/s12916-020-1721-8.