Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Trapianti

ARGOMENTI

Quali sono le complicanze più comuni che si possono verificare durante e dopo il trapianto di midollo osseo?

Risponde

Ematologo, Ospedale San Raffaele di Milano

Nel caso di una malattia ematologica maligna, come la leucemia, il linfoma e il mieloma, il ruolo del trapianto di midollo osseo è quello di uccidere direttamente le cellule della patologia. Una complicanza del trapianto allogenico, che non è presente nel trapianto autologo, è la cosiddetta Graft-Versus-Host Disease, che significa “malattia del trapianto contro il paziente”: in pratica il nuovo midollo riconosce e uccide la malattia, ma potrebbe riconoscere come cellule da attaccare anche le cellule sane, perché provenienti da un donatore esterno. Altre complicanze, comuni anche al trapianto autologo, possono essere la mucosite e le infezioni.