Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

sindrome mielodisplastica #MDS

ARGOMENTI

Sintomi

Contenuti a cura di:

Dirigente Medico di I livello presso la Divisione di Ematologia dell'AO "Bianchi-Melacrino-Morelli" di Reggio Calabria

I sintomi delle sindromi mielodisplastiche sono, nella maggior parte dei casi, quelli di una anemia, a causa della riduzione dei globuli rossi e dell'emoglobina del sangue. Circa l'85% dei pazienti manifesta questo genere di sintomo che a sua volta può condurre a stanchezza, tachicardia, affaticamento e crampi. Circa la metà dei pazienti presenta, invece, sintomi di leucopenia, la riduzione dei globuli bianchi. Il 25% circa delle persone malate di MDS ha invece una riduzione delle piastrine, la piastrinopenia, anche se a volte avviene l'esatto contrario, con un aumento, la piastrinosi. Spesso l'unico sintomo che si riscontra nei pazienti è l'aumento dei monociti. Altri sintomi delle MDS sono febbre, infezioni e sanguinamenti.

 

Diagnosi

La diagnosi delle MDS viene effettuata tramite un esame del midollo osseo che consiste in un'aspirazione, la conseguente biopsia e il controllo al microscopio dei campioni. Le forme più leggere presentano blasti nel midollo in percentuale inferiore al 5% e la loro assenza nel sangue. 

 

Qual è il decorso

Esiste un ampio spettro di presentazione delle MDS che va da forme benigne di lungo e asintomatico decorso a forme rapidamente progressive e fatali.

 

Fonti e Bibliografia: