Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

mieloma multiplo #MM

Mieloma Multiplo: Quali esami vanno fatti durante il decorso della malattia e con quale frequenza?

Risponde

Responsabile dell’Unità di Trapianto e Terapie Cellulari presso la Clinica Ematologica di Udine

Il mieloma è una malattia abbastanza eterogenea. Esistono delle forme ‘sintomatiche’ ed esistono delle forme così dette ‘indolenti’ o ‘asintomatiche’. Queste forme asintomatiche, o indolenti, vanno seguite con esami del sangue e delle urine con una frequenza di 3-4 volte in un anno a seconda dei casi. Nel mieloma attivo, invece, sottoposto a terapia, oltre a questi esami si aggiungono anche la radiografia dello scheletro, e, se indicati dall’ematologo, anche la risonanza magnetica, la TAC o la PET. Un altro esami diagnostico è l’esame del midollo attraverso la biopsia midollare, che può essere necessario anche dopo le terapie.