Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

mieloma multiplo #MM

ARGOMENTI

Aspettativa di vita

Contenuti a cura del

Il Mieloma Multiplo (MM) è il più comune tra i mielomi. Il MM è associato alla moltiplicazione incontrollata delle plasmacellule nel midollo osseo che producono un anticorpo monoclonale completo, rilevabile in grandi quantità nel sangue dei pazienti. In generale, è il secondo tumore ematologico più diffuso dopo i linfomi non-Hodgkin e rappresenta circa il 10% delle patologie ematologiche.

È un tumore tipico dell'età avanzata, con una età mediana alla diagnosi di 70 anni. L'età è il principale fattore di rischio per il Mieloma Multiplo: oltre due terzi delle diagnosi di mieloma riguardano persone di età superiore ai 65 anni e solo l'1 per cento delle persone con meno di 40 anni. Convivere con questa malattia significa spesso affrontare l’alternarsi di periodi di remissione, grazie all’efficacia delle attuali terapie, e comparsa di recidive che hanno un impatto fisico e psicologico ancora significativo.

Il Mieloma Multiplo mostra un’incidenza lievemente maggiore negli uomini rispetto alle donne. In Europa si contano 39.000 nuovi casi ogni anno, mentre in Italia le stime relative al 2017 parlano di poco più di 2.700 nuovi casi di mieloma ogni anno tra le donne e circa 3.100 tra gli uomini.

I dati disponibili mostrano come la diffusione di questa patologia si sia mantenuta stabile nel tempo, mentre la mortalità sia in lieve calo, seppure, nella maggior parte dei casi di diagnosi di malattia sintomatica, l’evoluzione nel tempo resta sfavorevole e cronica. Il rischio di vita per il Mieloma Multiplo è di circa 1 su 143.

Negli ultimi 10 anni il Mieloma Multiplo è tra le patologie tumorali in cui la ricerca ha fatto grandi passi avanti, mostrando dati sul tasso di sopravvivenza anche raddoppiati.

Tuttavia, prima di parlare di numeri, è doveroso, innanzitutto, ricordare che sono diversi i fattori che influenzano la sopravvivenza di un paziente, tra questi sicuramente l'età della persona e la sua salute generale. Età e malattie concomitanti del paziente sono fattori che influenzano la prognosi, anche perché influiscono direttamente sulle possibili scelte terapeutiche.

In generale, possiamo dire che, grazie alla disponibilità di terapie sempre più efficaci, negli anni la sopravvivenza nel MM è aumentata fino ad arrivare oggi a una sopravvivenza netta a 5 anni del 51%; dati che confermano come questa sia una patologia tumorale cronica ad aggressività intermedia.  

È importante ricordare, inoltre, che il tasso di sopravvivenza a 5 anni (parametro spesso valutato negli studi clinici) dice quante persone su cento (la percentuale di persone) vivono almeno 5 anni dopo la diagnosi del cancro. Dunque, tenendo presente il costante aumento dei tassi di sopravvivenza nell'ultimo decennio, è possibile che una misura come il tasso di sopravvivenza a 5 anni possa sottostimare l'impatto dei progressi compiuti nel trattamento di questa malattia nel frattempo.

Se il tasso di sopravvivenza a 5 anni per le persone con Mieloma Multiplo è di circa poco oltre il 50%, per il 5% delle persone che ricevono una diagnosi in una fase iniziale di malattia, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 71%, a dimostrare l’importanza di una diagnosi precoce. Di contro, se il tumore si è diffuso in un’altra zona del corpo, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è del 48%.

L’impatto del MM sulla riduzione dell’aspettativa di vita resta significativo, soprattutto nei pazienti giovani per cui si stima una riduzione dell’aspettativa di vita di circa 20 anni rispetto a soggetti sani confrontabili per età e sesso. Tuttavia, se fino a 15 anni fa l’aspettativa di vita media per coloro che soffrivano della malattia era di poco più di 2 anni, oggi, grazie a nuovi farmaci e all’ottimizzazione di strategie terapeutiche, la prognosi della malattia è notevolmente migliorata, arrivando ad un’aspettativa di vita media di circa 7 anni.

Fonti e Bibliografia:

Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma AIL. Mieloma Multiplo (Ultimo accesso 12 Dicembre 2018).

Osservatorio Malattie Rare OMAR. Mieloma Multiplo, ogni anno in Italia 5 mila nuovi casi, 10 Aprile 2018.

Cancer Research UK. Myeloma (Ultimo accesso 13 Dicembre 2018).

American Cancer SocietyMultiple Myeloma (Ultimo accesso 13 Dicembre 2018).

Cancer Research UK. Myeloma - Survival (Ultimo accesso 18 Dicembre 2018).

Cancer.Net. Multiple Myeloma: Survivorship (Ultimo accesso 13 Dicembre 2018).

Cancer.Net. Multiple Myeloma: Statistics (Ultimo accesso13 Dicembre 2018).