Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

macroglobulinemia di Waldenström #WM

ARGOMENTI

Macroglobulinemia di Waldenström: Quando è necessario il trattamento, quali sono le opzioni terapeutiche per la malattia di Waldenstrom?

Risponde

Dirigente medico di I livello presso la Divisione di Ematologia dell’IRCCS San Matteo di Pavia

Negli ultimi anni è stata identificata la mutazione del gene MYD88 che è presente in oltre il 90% dei pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom e ha un ruolo cruciale nell’insorgenza di questa malattia. La scoperta di questa mutazione ha aperto la strada allo sviluppo di una serie di farmaci non chemioterapici, che agiscono in modo specifico sui meccanismi molecolari che sono alla base dell'insorgenza della malattia.