Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

macroglobulinemia di Waldenström #WM

Macroglobulinemia di Waldenström: Come si fa la diagnosi della malattia di Waldenstrom?

Risponde

Dirigente medico di I livello presso la Divisione di Ematologia dell’IRCCS San Matteo di Pavia

La diagnosi viene fatta effettuando preliminarmente alcuni esami del sangue, tra i quali l’elettroforesi delle proteine, che permette di evidenziare la presenza di un picco monoclonale, che è formato da anticorpi di tipo IgM tutti uguali tra di loro. Un altro esame fondamentale è l’immunofissazione, che permette di confermare la particolarità di questa malattia e cioè che gli anticorpi siano di tipo IgM. Alcuni esami delle urine, come l’immunofissazione sulle urine, servono per verificare la presenza della componente monoclonale anche a livello urinario. Gli esami fondamentali per arrivare alla diagnosi rimangono la biopsia osteomidollare e l’immunofenotipo, che servono per tipizzare i linfociti malati.