Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

linfoma a cellule mantellari #MCL

ARGOMENTI

Linfoma a Cellule Mantellari: Come si è evoluta la terapia per il linfoma mantellare rispetto al passato?

Risponde

Carlo Visco lavora come dirigente medico di primo livello presso la Divisione di Ematologia e Terapie Cellulari dell’Ospedale San Bortolo a Vicenza. Si è laureato all’Università di Verona, dove ha anche completato gli studi di specializzazione.

Il linfoma mantellare è una delle forme di linfoma non- Hodgkin che ha avuto il maggiore beneficio dalla ricerca scientifica degli ultimi dieci anni. La prognosi dei pazienti oggi è drasticamente migliorata rispetto a dieci anni fa grazie all’avvento di farmaci estremamente innovativi con una tossicità inferiore alla chemioterapia. Questi farmaci, oltre a essere estremamente ben tollerati, hanno la capacità di intervenire nella singola patologia a individuare e correggere il meccanismo che ha indotto la malattia a formarsi.