Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

linfoma a cellule mantellari #MCL

ARGOMENTI

Linfoma a Cellule Mantellari: Per quali pazienti è indicato il trapianto di midollo?

Risponde

Carlo Visco lavora come dirigente medico di primo livello presso la Divisione di Ematologia e Terapie Cellulari dell’Ospedale San Bortolo a Vicenza. Si è laureato all’Università di Verona, dove ha anche completato gli studi di specializzazione.

Il trapianto di midollo è indicato alla diagnosi nei pazienti con meno di 65 anni, come consolidamento della terapia di prima linea, appena il paziente si ammala, a completamento di una fase di chemioterapia. Questo “trapianto autologo” consiste nel rimettere nell’organismo del paziente cellule staminali precedentemente prelevate dal paziente stesso. Diverso è il “trapianto allogenico”, che consiste nel trapianto di cellule staminali provenienti da un donatore eterologo, che può o meno essere un familiare. Il trattamento allogenico non è un trattamento di routine, ma deve essere tenuto come una possibilità terapeutica per i pazienti giovani nei quali la malattia si dovesse ripresentare nel tempo.