Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

leucemia mieloide acuta #AML

ARGOMENTI

Cause

Contenuti a cura di:

Direttore U.O.C di Ematologia e Trapianto di Cellule Staminali c/o P.O. “Vito Fazzi” di Lecce

La Leucemia Mieloide Acuta (AML) è un tumore delle cellule del sangue caratterizzata da una proliferazione anomala delle cellule del sangue presenti nel midollo osseo sotto forma di «precursori» mieloidi immaturi, cioè cellule che non si sono ancora differenziate e che vengono chiamate blasti. Questi precursori, attraverso un percorso di maturazione, si possono differenziare in globuli bianchi (ad eccezione dei linfociti), globuli rossi o piastrine. Se in questo percorso maturativo, i precursori mieloidi immaturi vanno incontro a una trasformazione tumorale, risultano incapaci di differenziarsi, si accumulano nel midollo osseo, nel sangue periferico e in altri tessuti e si sviluppa la AML.

 

Leucemia Mieloide Acuta e proliferazione cellulare

 

Proliferazione cellulare fisiologica e maligna

Ogni cellula dell’organismo deve seguire un codice di comportamento in base al quale si divide solo quando necessario, si differenzia quando richiesto e muore quando l’organismo lo impone. Questo codice di comportamento cellulare è necessario per preservare la salute di un complesso organismo multicellulare come il nostro. Il controllo delle singole cellule avviene attraverso particolari proteine che promuovono o inibiscono un determinato comportamento cellulare. Ad esempio se una cellula svolge un ruolo utile, le proteine promuovono la sua sopravvivenza. Quando la cellula non è più necessaria, l’organismo aumenta la quantità di proteine che inducono la sua morte. Analoghi meccanismi regolano i processi di divisione e differenziazione cellulare. Oggi sappiamo che le neoplasie maligne come la AML sono causate da danni acquisiti a queste proteine, causa di alterazioni nella crescita e differenziazione. In pratica una cellula tumorale è maligna perché non rispetta più il normale codice di comportamento, crescendo nel momento meno opportuno e nel posto sbagliato e non differenziandosi per eseguire una funzione utile.

 

Tipi di AML

Le caratteristiche della AML dipendono essenzialmente dalle diverse anomalie genetiche, dall’eventuale pregresso disordine ematologico ( sindrome mielodisplastica o sindrome mieloproliferativa) o esposizione a precedenti trattamenti chemioterapici.

 

Le cause esatte della Leucemia Mieloide Acuta (AML) non sono ancora conosciute del tutto. Si ritiene che la AML sia causata da una predisposizione genetica combinata all’esposizione a sostanze tossiche, quali:

 

Quanto è diffusa

La Leucemia Mieloide Acuta (AML) è la seconda leucemia in termini di frequenza dopo la Leucemia Linfatica Cronica nei Paesi occidentali.

Totale delle leucemie diagnosticate
Nello stesso periodo sono stati diagnosticati in media ogni anno 4,4 casi di AML ogni 100.000 uomini e 3,4 ogni 100.000 donne.
In Italia le stime parlano di circa 1.200 nuovi casi ogni anno tra gli uomini e 900 tra le donne.

 

Età di insorgenza della AML

La AML, nonostante possa manifestarsi anche in età infantile e giovanile, è una leucemia prevalentemente dell’età adulto-avanzata.

 

Età di insorgenza della leucemia mieloide acuta
 

Di seguito si riporta l'incidenza della AML in base all'età.

Grafici insorgenza AML

 

Fonti e Bibliografia:

Appelbaum FR et al. Age and acute myeloid leukemia. Blood 2006;107:(9):3481-5.

Cheson BD et al. Revised recommendations of the international working group for diagnosis, standardization of response criteria, treatment outcomes, and reporting standards for therapeutic trials in acute myeloid leukemia. J Clin Oncol. 2003; 21(24): 4642-9.

Deschler B, Lübbert M. Acute myeloid leukemia: Epidemiology and etiology. Cancer 2006;107(9):2099-107.

Ferrara F. Conventional chemotherapy or hypomethylating agents for older patients with acute myeloid leukaemia? Hematol Oncol 2014 32:1–9.

Ferrara F et al. Consensus-based definition of unfitness to intensive and non intensive chemotherapy in acute myeloid leukemia: a project of SIE, SIES and GITMO group on a new tool for therapy decision making. Leukemia 2013; 27: 997–999.

Ford D, Easton DF. The genetics of breast and ovarian cancer. Br J Cancer 1995, Oct; 72(4): 805-12.

Associazione italiana registri tumori AIRTUM. I tumori in Italia. Rapporto 2006. 2006; (suppl 2): 94-95.

Pallister CJ and Watson MS. Acute Leukaemias. In: Haematology, 2nd ed. Oxford, Scion Publishing.

National Comprehensive Cancer Network NCCN. Clinical Practice Guidelines in Oncology - Acute myeloid leukemia (Ultimo accesso 09 Gennaio 2019).

Wintrobe MM, Greer JP. Acute myeloid leukemia in adults. In: Wintrobe’s Clinical Hematology. Philadelphia: Wolters Kluwer Health/Lippincott Williams & Wilkins; 2009. p.1843-88.