Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

leucemia linfatica cronica #CLL

Leucemia Linfatica Cronica: I trattamenti sono somministrati in regime ospedaliero, in day-hospital, o a casa?

Risponde

Direttore della S.C. di Ematologia dell’Ospedale S. Croce di Cuneo e responsabile del Laboratorio di Ematologia Oncologica del Centro Interdipartimentale di Ricerca in Biotecnologie Molecolari dell’Università di Torino

I trattamenti possono essere somministrati in tutti e tre i modi, in funzione della gravità della situazione, del tipo di terapia e alle relative caratteristiche del paziente. La terapia, infatti, non è univoca per ogni paziente, ma viene modulata in funzione della così detta "fitness", ovvero della capacità del paziente di sostenere un trattamento più o meno intensivo. In generale, per le persone fino ai 65-70 anni senza caratteristiche particolari, le terapie possono essere somministrate in regime di day-hospital mentre le terapie orali erano finora riservate ai soggetti più anziani. Con l’avvento dei farmaci biologici, ossia farmaci dal meccanismo d’azione molto mirato e selettivo, lo scenario è in divenire in quanto si tratta di terapie da assumere per bocca, per periodi anche molto prolungati. L’aderenza alla terapia rappresenta pertanto un aspetto molto importante da non sottovalutare legato a questa modalità di assunzione.