Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

L’attività fisica riduce il rischio di cancro

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 20 Agosto 2018
Un uomo fa ginnastica
»

Più attività fisica, meno rischio di cancro. Così sostiene un nuovo studio effettuato da una équipe di ricercatori del National Cancer Institute di Bethesda, in Maryland, attraverso il quale è stata analizzata l’incidenza di ben 26 tipi differenti di tumore su soggetti che effettuavano attività sportive. Sono stati monitorati 1,4 milioni di soggetti tra Stati Uniti ed Europa dal 1987 al 2004 e sono stati identificati quasi 187mila tumori in un arco temporale di 11 anni.

 

Secondo quanto emerso, livelli più elevati di attività fisica nel tempo libero sono stati associati a minori rischi per 13 tipi di cancro. Un dato rilevante, se si pensa che in tutto il mondo il 31% della popolazione non raggiunge i livelli minimi raccomandati di attività fisica. Una percentuale che balza addirittura al 51% se si prendono in esame i soli Stati Uniti.

 

Secondo quanto sostiene l’analisi, il rischio di tumore cala sensibilmente nel caso dell’adenocarcinoma esofagea (42% di rischio più basso), seguito non da vicino da quello al fegato (27% di rischio più basso), da quello al polmone (26%) e al rene (23%). Il rischio complessivo scende del 7% facendo una media di tutti i cancri analizzati.

 

Dallo studio è anche emerso, però, un aumento del rischio di contrarre determinati tumori facendo attività fisica, in particolare negli Stati Uniti. È il caso del 5% in più di cancri alla prostata e addirittura del 27% di rischio più elevato se si tratta di melanoma maligno. Il motivo, spiegano i ricercatori statunitensi, è legato al fatto che chi fa esercizio fisico all’aperto è esposto a livelli più elevati di radiazioni solari.

 

Chiaramente, ribadisce lo studio, l’incidenza varia in base alle condizioni fisiche complessive della persona, alla sua corporatura e, ad esempio, se si tratta di un fumatore. «La maggiore limitazione della ricerca», scrivono gli autori, «è che non si può escludere la possibilità che fumo, dieta e altri fattori esterni possano influenzare i risultati. Inoltre, lo studio si è basato sull’autocertificazione dei soggetti analizzati, esponendo la statistica a possibili errori. Quello che è sicuro – concludono gli autori – è che l’attività fisica sia una componente fondamentale nella prevenzione dei tumori».

Fonti e Bibliografia:

Physical Activity Associated with Lower Risk of Many Cancers, The JAMA Network Journals, comunicato stampa del 16 Maggio 2018.

Cancer Research UK, How physical activity prevent cancer, 2016.

Cancer Research UK. Exercise guidelines for cancer patients, 2015.