Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Guardare alle cellule immunitarie per capire la progressione verso il mieloma

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 26 Marzo 2019
Analisi di cellule staminali
»

Al meeting annuale dell’American Society of Hematology, i ricercatori del Dana-Farber Cancer Institute hanno descritto i diversi cambiamenti significativi a cui vanno incontro le cellule immunitarie del midollo osseo nei primissimi stadi della malattia. Questi cambiamenti, secondo gli scienziati che li hanno osservati, potrebbero portare allo sviluppo di un test per prevedere l’avanzamento della malattia in pazienti nelle prime fasi e, magari, anche a nuove strategie per contrastarlo.

Nel loro lavoro, i ricercatori hanno studiato l’attività genetica in singole plasmacellule e nelle cellule immunitarie del midollo osseo sia di persone sane sia di pazienti con una gammopatia monoclonale di significato indeterminato (MGUS) o con un mieloma multiplo asintomatico, due stadi precursori del mieloma.

«Per la prima volta, abbiamo identificato una varietà di cambiamenti nelle cellule immunitarie presenti nel microambiente del midollo osseo dei pazienti nelle prime fasi della malattia, anche allo stadio MGUS», ha spiegato Irene Ghobrial, co-direttore del Centro per la prevenzione della progressione dei tumori del sangue al Dana-Farber e coordinatrice dello studio.

Per esempio, gli scienziati hanno osservato nei pazienti con condizioni precorritrici un forte afflusso di cellule cosiddette “killer naturali” (“natural killer”), come macrofagi e cellule T. Inoltre hanno anche individuato modificazioni che avvengono sulla superficie delle plasmacellule che renderebbero quest’ultime più difficili da rilevare per il sistema immunitario.

 

«Questi cambiamenti specifici nelle cellule immunitarie potrebbero diventare in futuro dei bersagli per trattamenti di immunoterapia per prevenire o fermare la progressione della malattia, rendendo potenzialmente il mieloma una malattia prevenibile», ha concluso Ghobrial.

Fonti e Bibliografia:

Zavidij O, Haradhvala N, Mouhieddine TH, et al. Single-Cell RNA Sequencing Reveals Compromised Immune Microenvironment in Precursor Stages of Multiple Myeloma, ASH Annual Meeting, 02 Dicembre 2018.

Monaghan C, Dana-Farber to present research on myeloma progression from precursor conditions, Dana-Farber Cancer Institute, comunicato stampa del 03 Dicembre 2018.