Stai per lasciare il sito web LMCome di proprietà di Janssen-Cilag S.p.A.

Le informazioni contenute nel sito web a cui stai per accedere potrebbero non essere conformi alla normativa vigente in materia di pubblicità sui medicinali.

Janssen-Cilag SpA non è responsabile dell 'attendibilità o correttezza dei contenuti del sito web a cui ti porterà il link né sarà più applicabile la Privacy Policy di questo sito.

Clicca sul link per continuare.

MALATTIE EMATOLOGICHE

Come ti cambia la vita un tumore del sangue

Contenuti a cura del
Articolo pubblicato il 10 December 2018
Una paziente a colloquio con il medico
»

Il sito Bloodcancer.com ha condotto un sondaggio online dal nome Blood Cancer In America 2018, nel periodo compreso tra novembre 2017 e marzo 2018. Dei 2.596 intervistati, 1.976 erano pazienti colpiti da mieloma multiplo, linfoma, leucemia o altri tipi di tumore del sangue, mentre i restanti 620 erano persone che si prendevano cura di questi pazienti, i caregiver.

Questi tumori, in Italia, rappresentano il 10 per cento delle neoplasie diagnosticate, con 35mila nuovi casi ogni anno. Secondo i risultati del sondaggio, il primo duro colpo arriva con la diagnosi, che negli Stati Uniti viene ricevuta da una persona ogni tre minuti. L’incredulità e il peso di questa notizia sono tali che si cerca sempre una seconda conferma, o chiedendo una seconda opinione o navigando su Internet, cosa che ha fatto un intervistato su cinque.



Ci sono poi da sopportare le ricadute fisiche. Secondo la maggior parte delle testimonianze, mentre alcuni sintomi sono tollerabili, altri, come stanchezza, “chemio cerebrale” o “annebbiamento da chemio” (ovvero una confusione dovuta agli effetti delle terapie), dolore, incidono profondamente sulla qualità della vita dei pazienti. A questi sintomi, poi, si accompagnano spesso altri problemi di salute; tra i pazienti intervistati molti riportavano ipertensione, neuropatia, osteoartrite e persino altri tumori. Quasi un intervistato su quattro aveva ricevuto una diagnosi anche di un altro tumore.

Caregiver e pazienti, infine, hanno entrambi evidenziato l’importanza di creare una forte rete di supporto intorno al paziente, composta non solo dai medici e dagli operatori sanitari, ma soprattutto da familiari e amici. L’aiuto fisico, pratico e psicologico che questa rete fornisce fa infatti la differenza nel modo in cui si affrontano una diagnosi di tumore del sangue e anche il decorso della malattia.

Fonti e Bibliografia:

Blood-Cancer.com. The Life-Changing Impact of Blood Cancer (Ultimo accesso 13 Giugno 2018).

Leukemia & Lymphoma Society. ​Facts and Statistics (Ultimo accesso 29 Ottobre 2018).

Boccadoro M, Tumori del sangue: i pazienti sopravvivono ma il sistema collassaIl Sole 24 Ore, 12 Maggio 2017.